Il sapore del Pastis

izzo.jpg

Non rileggo i libri. Stavo in bagno e lui davanti a me. Le edizioni della e/o me le rigiro spesso tra le mani, hanno una piacevole consistenza.

Mi sono distratto e l’ho riletto. Noir classico: pavimenti appiccicosi, puzza di piscio, caratteri stereotipati, epica e virilità. È il sapore del Pastis ad essere irrinunciabile.

Una volta ho letto un libro il cui protagonista beveva Laphroaig. E sapeva di Laphroaig. Un altro sapeva di Lagavulin. Tutte le pagine di questo sanno di Pastis, ennesima personificazione delle sfaccettature umane in un cibo, bevanda, panorama, opera d’arte…

A me però il Pastis mi piace proprio.

 

 

  1. fangospaziale (Enrico)

    Dietro questa letteratura, quanti fegati spappolati… Sì, alla faccia dei salutisti e della salute, che a volte se ne frega proprio delle tue cure di prevenzione.
    La letteratura è sempre un passo indietro a quanto accade nel mondo ma, a volte, anche un passo avanti.
    Penso alla fantascienza, ai suoi immaginari apocalittici illustrati oltremodo qualche secolo più tardi nelle pagine della cronaca.
    La letteratura ricicla le bruttezze della quotidianità su un piano di ri-significazione universalizzata.
    Il particolare del fatto vero e proprio viene universalizzato nel tempo della lettura, luogo dove si rifonda la realtà del racconto e del possibile accaduto.
    Chissà in quale libro siamo stati scritti… Gerlando, dimmelo tu…

  2. ehm.. io non lo so, il post lo ha scritto iccudrac… e a me il pastis fa cagare (de gustibus…)

  3. il bello è che a me fa cagare pure il Laphroaig (sempre de gustibus…)

  4. fangospaziale (Enrico)

    Ma io a te l’ho chiesto… Gerlando.

  5. io a quelli che non hanno la foto nel proprio profilo nemmeno risponderei 😉

  6. iccudrac

    Io li metterei alla gogna pensa…

  7. fangospaziale (Enrico)

    Vi rispondo con la sigla di un aereo molto veloce: l’8ooA!

  8. fangospaziale

    E’ un “aereo siciliano”, citato a volte nei muri quanto il famoso “Dio c’è”… che non si vede più tra l’altro. Ingenuamente, negli anni ’70 quando lo vedevo su scritto pensavo tra me e me: quanta gente religiosa c’è nel mondo… che bel messaggio di fede… di speranza.
    Mentre l’800A è più sibillino; dice e non dice, invitando il “fortuito lettore” all’interpretazione.

  9. Forse era meglio senza foto 😉

    Bella enrico, certo ti vedo un po’ giallo …

  10. fangospaziale (Enrico)

    Grazie… volevo dare un effetto copertina Lp anni ’70… qualcosa alla Frank Zappa…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: